News

Age: 5 anni
, il 4 aprile 2014 (venerdì) alle 17:02

BRAMANTE POETA: diritto e rovescio delle calze

Martedì 8 aprile ore 21:00 - Sala Claudio Monteverdi

FERMIGNANO, Sala Claudio Monteverdi
Martedì 8 aprile  ore 21:00

BRAMANTE POETA: diritto e rovescio delle calze
a cura di Matteo Giardini e dell'Assessorato alla Cultura di Fermignano

Bramante, oltre ad essere una delle figure più importanti dell’arte e dell’architettura del Rinascimento, ha lasciato anche qualche prezioso vestigio letterario.
Lettore di Leon Battista Alberti e di Pietro della Francesca, aperto a influssi neoplatonici e ficiani, durante il lungo soggiorno milanese si improvvisò “poeta”.

Della sua attività restano solo un manipolo di 25 sonetti, d’amore e burleschi, ma alcuni versi sono sufficienti a farsi un’idea delle capacità dell’artista e, soprattutto, del suo spirito. I suoi sonetti non hanno carattere mitologico o allegorico, ma sono piuttosto una lamentela in chiave satirica delle proprie condizioni economiche.
Stando a ciò che scrive egli vive in quasi totale miseria con vesti logore e calze stracciate. Questo tema è ripreso più volte e da spunto all'interprete-narratore Matteo Giardini per la sua rilettura dei sonetti.


informazioni
Comune di Fermignano - Ufficio Cultura
telefono: 0722.332142
cultura@comune.fermignano.pu.it



Matteo Giardini - Laureato in Lettere e Comunicazioni sociali ha conseguito Master in Management dell'evento artistico e spettacolare. Oltre alla sua attività di attore tiene Seminari di dizione metrica e poetica.

Lavora intorno al concetto e alla pratica di oralità, divulgazione e narrazione; organizza eventi culturali per la spettacolarizzazione dei classici in rapporto alla società contemporanea, ai luoghi naturali dell’ispirazione poetica, alla comunicazione in ambito giovanile e alla teatralità.
In questo senso vanno intesi anche i suoi impegni di interprete-narratore, regista teatrale, insegnante di attività espressive e tecniche per la lettura. Cura la direzione artistica e organizzativa di convegni, pubblicazioni e manifestazioni.

Nel territorio bramantesco ha realizzato la regia di “Aminta” di Torquato Tasso ‘alla corte di Urbino’, nel 400^ Anniversario tassiano. Dell’Autore della Gerusalemme liberata ha inoltre rievocato il soggiorno a Urbino e la Canzone al Metauro, con un itinerario poetico - naturalistico lungo il fiume Metauro e un’azione spettacolare ambientata nella Dimora ove soggiornò il Poeta.

Ha potuto seguire importanti allestimenti di opere teatrali a cura di Giorgio Strehler, dal quale fu designato ad animare lo spazio "Giovani registi europei" del Piccolo Teatro di Milano. A Milano ricopre incarichi di sperimentazione e docenza universitarie (“voce e oralità del testo letterario”).

E' riconosciuto come uno dei migliori lettori di Dante Alighieri e ha condotto itinerari danteschi e letterari in varie parti d'Italia. In qualità di commentatore dantesco è stato ospite fisso anche di trasmissioni televisive della RAI.


© 2005-2019 Portale degli Enti - Gestito con docweb - [id]